LE SULE DI HELGOLAND (MARE DEL NORD)

Diciotto ore d’auto, ed arriviamo al porto di Cuxhaven, dal quale ci imbarchiamo sul traghetto per arrivare alla “Terra Sacra”: Helgoland, arcipelago appartenente alla Germania, nel Mare del Nord, è composto di due isole: Helgoland (la maggiore, e più popolata), ed Helgoland-Dune, che inizialmente erano unite in un’unica isola…fino alla notte di San Silvestro del 1721, quando una gigantesca mareggiata la spezzò in due.

Ora il comune di Helgoland, costituito da circa 1200 abitanti, sembra essere un paesino costruito con i mattoncini Lego.

Helgoland mi è entrata nel cuore sin dalla prima volta in cui l’ho sentita raccontare da alcuni amici fotografi, e l’impatto è stato davvero una conferma: falesie di rossa arenaria sferzate dal mare, prati verdissimi, natura incontaminata, passeracei incuranti della presenza umana, dalla quale nulla hanno da temere: qui non vi sono macchine, né i conseguenti agenti inquinanti, e vige un notevole rispetto per flora e fauna locali

Sulle rosse pareti a strapiombo nidificano affollate colonie di sule (Morus bassanus) e di urie (Uria aalge), mentre sul sabbioso isolotto di Dune le simpatiche foche grigie si allungano indisturbate sulla spiaggia, giocando con i piccoli, rotolandosi sulla riva, o tuffandosi in acqua..

Interessante è osservare le coppie di sule che litigano per conquistare un po’ di spazio sulla scogliera per nidificare: il vento intenso che ti flagella nella salita ricacciandoti indietro, non permette ai maschietti di scendere per depositare il ramoscello di alga che andrà a formare il nido: e decine di sule sembrano galleggiare nel cielo…uno spettacolo magnifico!

E’ l’ora della partenza…chiudo lo zaino. Il momento è concluso e, come in ogni uscita, la sfida più importante per me resta sempre quella di trasformare in sensazioni fotografiche le scene di vita naturale alle quali ho avuto il privilegio di assistere…

Una coppia di sule che sta nidificando si scambia tenerezze
Una colonia di sule sulla falesia alle ultime luci del giorno.
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*